CHI SIAMO


Liutertec, vincitrice del Fondo Cultura della Regione Lazio e selezionata tra le 100 migliori start up del 2018, ha sede a Roma e vanta la collaborazione dell'Università La Sapienza e della Tuscia nell’elaborazione di un protocollo di indagine che determini l’effettivo stato di conservazione e datazione di uno strumento di liuteria. Il Condition Report Diagnostico introdotto da Liutertec è in grado di evidenziare lo status di uno strumento musicale, monitorarne l'andamento dello stato di conservazione, fungendo inoltre da supporto al processo di autenticazione e stima ai fini commerciali.

Amministratore Unico Angelica Pierri
Socio Maurizio Bucci

Operatore scientifico Dott.ssa Greta Vicentini
Supervisore Prof. Stefano Ridolfi

DICONO DI NOI

Angelica e Maurizio un giorno tengono tra le mani un violino d’epoca che nessun espertizzatore ha il coraggio di valutare. Porta un nome importante ma a quel nome non corrispondono i dettagli tipici che lo strumento dovrebbe avere per confermare la sua nobile origine. Nella loro mente risuona un'idea: perché non utilizzare gli strumenti di analisi scientifica per valutare e datare gli strumenti di liuteria? Angelica e Maurizio avviano gli esperimenti che, sorprendentemente, consentono loro di risalire all’autore del violino. Nasce così la startup Liutertec. Grazie alla collaborazione del Dipartimento di Biologia Ambientale e Botanica della Sapienza Università di Roma, i due fondatori mettono a punto un sistema di analisi dettagliato, che comprende anche indagini preliminari - UV, infrarosso, RX ed endoscopia. Dalle radiografie degli strumenti emergono eventuali canali tarliferi e altri dettagli degni di nota, che consentono di effettuare una valutazione accurata. Il suono di un violino antico risuona degli anni che hanno forgiato il legno ma valutarne valore ed epoca è un’altra musica. Per questo Liutertec, alle prime indagini affianca anche la dendrocronologia, lo studio degli anelli di crescita degli alberi, che offre risposte certe rispetto alla datazione e “può determinare in maniera oggettiva gli aspetti di attribuzione”. Il giudizio soggettivo emesso da espertizzatori può essere confermato da una sorta di spartito che il tempo ha inciso nell'albero. Tramite un confronto con centinaia di campioni di legno provenienti da altri strumenti è possibile risalire con il minor scarto alla data di nascita dello strumento. L’anima di acero, la trama fitta dell’abete contengono informazioni di valore. Ecco che con Liutertec la valutazione degli strumenti cambia, la loro storia diventa una musica dal valore inestimabile.

Fonte: Volume Lazio Creativo 2018 - Elisa Cappai

PARTNERS